>>Psoriasi, cause e ruolo della barriera cutanea

Psoriasi, cause e ruolo della barriera cutanea

Psoriasi cause e sintomi

Quando si parla di psoriasi il mondo scientifico è d’accordo sulla sua sintomatologia, ma si trova ancora in difficoltà nel definirne le cause.
La psoriasi, infatti, è facilmente riconoscibile per la presenza di chiazze eritematose ricoperte da scaglie lamellari biancastre che caratterizzano la sua forma più diffusa, nota come “psoriasi a placche”.
D’altra parte per la psoriasi cause ne sono state ipotizzate molte nel corso degli ultimi 50 anni. Ma non si è ancora arrivati a definire con chiarezza il rapporto di causa-effetto alla base di questa patologia.
La psoriasi è una patologia infiammatoria cronica della pelle che deriva dall’interazione dell’ambiente con il sistema immunitario e l’epidermide di soggetti geneticamente predisposti (1). In particolare, negli ultimi anni è emerso sempre di più il ruolo svolto dalla barriera cutanea nell’insorgenza e nella progressione di questa malattia.

Il ruolo della barriera cutanea nella psoriasi

Studi recenti hanno evidenziato che nella pelle di soggetti affetti da psoriasi c’è una carenza di lipidi epidermici, in particolare di ceramidi (2). Quindi la funzione di barriera di questi soggetti è compromessa, con conseguente incapacità dell’epidermide di trattenere adeguatamente l’acqua e la possibilità di penetrazione di agenti nocivi al suo interno (vedi l’articolo Ceramidi, asse portante della barriera epidermica).
Nella dermatite atopica l’alterazione della barriera cutanea è uno dei fattori chiave nello sviluppo e nella progressione della patologia. Allo stesso modo nella psoriasi un’alterazione della barriera cutanea può innescare o aggravare la sintomatologia, stimolando l’iper-proliferazione delle cellule cutanee e attivando mediatori di tipo pro-infiammatorio (3).

Le cause della psoriasi: un circolo vizioso

Il circolo vizioso che si instaura è complesso ed è la risultante di diversi fattori. Gli insulti provenienti dall’esterno (come traumi o infezioni) portano la barriera cutanea, di per sé già compromessa, a rispondere in maniera non adeguata a questi stimoli esterni.
Il danno percepito provoca l’attivazione incontrollata del sistema immunitario, che a sua volta innesca un alterato meccanismo di riparazione della barriera. Alla base di questo circolo vizioso vi è, in ogni caso, una predisposizione genetica (2).

La riparazione della barriera nel trattamento della psoriasi

Ripristinare la funzionalità della barriera cutanea è quindi un fattore chiave nel trattamento della psoriasi.
Un trattamento topico, continuo nel tempo, supporta l’azione dei farmaci specifici per la terapia. Non solo: aiuta a mantenere i risultati ottenuti con la terapia stessa (4).
Uno studio condotto su persone affette da psoriasi di grado lieve ha evidenziato che l’applicazione di creme ad azione emolliente (durante e in seguito a trattamento topico a base di corticosteroidi) migliora in modo significativo il quadro patologico. Il miglioramento consiste sia in una riduzione delle recidive, sia nel mantenimento nel tempo dei miglioramenti ottenuti con i corticosteroidi (5).

Dal trattamento alla prevenzione

Sulla base delle nuove evidenze scientifiche, inoltre, gli emollienti riparatori di barriera possono rivestire un ruolo importante anche nella prevenzione della psoriasi.
Se, infatti, un difetto di barriera è uno dei fattori coinvolti nella patogenesi della psoriasi, il trattamento della pelle con creme a base di lipidi epidermici fin dall’infanzia può prevenirne lo sviluppo o quantomeno limitarne la gravità.

Argomenti trattati in questi articoli:
Bibliografia:
  1. T. Miyagaki, M. Sugaya Recent advances in atopic dermatitis and psoriasis: genetic background, barrier function and therapeutic targets J Dermatol Sci 78 (2015) 89-94
  2. S. Sano Psoriasis as a barrier disease Dermatol Sinica 33 (2015) 64-69
  3. L. Ye et al. Abnormal Epidermal Barrier Recovery in Uninvolved Skin Supports the Notion of an Epidermal Pathogenesis of Psoriasis J Invest. Dermatol 134 (2014) 2843-2846
  4. J. W. Fluhr et al. Emollients, moisturizers, and keratolytic agents in psoriasis Clin Dermatol 26 (2008) 380-386
  5. S. Seité et al. Emollient for maintenance therapy after topical corticotherapy in mild psoriasis Exp Dermatol 18 (2009) 1076-1078