>>Pelli sensibili: l’acqua dura è un rischio

Pelli sensibili: l’acqua dura è un rischio

Acqua e saponi influenzano l’equilibrio della nostra epidermide e di conseguenza la salute della nostra pelle. 

Come abbiamo già visto, una corretta detergenza è fondamentale per prendersi cura delle pelli sensibili o problematiche. Ma, oltre al detergente usato, anche la durezza dell’acqua ha effetti sull’equilibrio cutaneo.

L’acqua dura altera l’equilibrio della pelle

È stato dimostrato, infatti, che l’acqua dura (che contiene in soluzione concentrazioni elevate di minerali come calcio e magnesio) può aumentare la disorganizzazione della barriera epidermica, rispetto a un’acqua pura o all’uso di soluzioni saline.

Se ci si lava con acqua dura, quindi, diventa ancora più importante scegliere detergenti per viso e corpo delicati e rispettosi della pelle. Perché la combinazione di acqua dura e di un comune detergente ha effetti ancora più negativi sull’equilibrio cutaneo.

L’Olio Detergente Ceramol limita gli effetti dell’acqua dura

Associando, invece, un’acqua dura a un detergente formulato appositamente per pelli sensibili, come Ceramol Olio Detergente Viso-Corpo, è possibile limitare gli effetti negativi dell’acqua, proteggendo la barriera epidermica e il suo equilibrio.

L’effetto dell’Olio Detergente è stata testata grazie a un innovativo modello di studio dell’acqua come fattore di rischio nello sviluppo di alcuni disturbi della pelle collegati alla barriera cutanea.

Il modello è stato ideato da Unifarco Biomedical in collaborazione con l’istituto di ricerca VitroScreen. Simulando le comuni abitudini d’igiene su tessuti in-vitro, ha analizzato gli effetti della detersione con acqua a diversi gradi di durezza, correlandoli con le caratteristiche della barriera e con l’espressione di indicatori specifici della dermatite atopica.

Acqua e pelli sensibili: lo studio

I dati evidenziano che, a parità di “qualità” dell’acqua, l’uso del corretto detergente influenza il potenziale sviluppo di problematiche correlate alla salute della barriera.

I risultati dello studio sono stati presentati a un simposio dedicato a Parigi, nel corso delle “Journées Jean Paul Marty” della Società Francese di Cosmetologia.

Questo lavoro di ricerca conferma l’attenzione che ognuno di noi dovrebbe dedicare ogni giorno alla detergenza. Soprattutto sottolinea quanto sia importante scegliere detergenti rispettosi della barriera cutanea, che garantiscano il massimo di tollerabilità e sicurezza. Ancora di più nel caso di prodotti per pelli sensibili.

RIPARATORE DI BARRIERA
DOMANDE FREQUENTI